Concluso il Corso di Alternanza scuola-lavoro al liceo Manzoni

Si è concluso, con la preparazione degli elaborati che saranno discussi agli esami di maturità dagli studenti, il corso teorico-pratico di Alternanza scuola lavoro che ha interessato prevalentemente le quinte classi linguistiche.

Voluto dalla dirigente scolastica dott.ssa Adele Vairo e proposto dal CeSAF Maestri del lavoro d’Italia, l’obiettivo era quello di documentare aspetti storici e sociali dei principali contenuti del Museo Olivetti avendo come base il linguaggio della fotografia e non solo.

Gli argomenti scelti  hanno riguardato il materiale in esposizione  compresa la prestigiosa Villa Vitrone che  ospita il museo stesso.

Gli studenti hanno sviluppate tesine inerenti alla storia delle macchine da scrivere e quelle da calcolo, nonché si sono soffermati su alcuni reperti nel  settore delle Radio d’epoca  con i loro dischi in vinile a 78 giri.  Materiale che  ha suggestionato un’epoca, come quello dello sviluppo socio antropologico dal secondo dopoguerra in poi.

Particolarmente interessante la ricerca di Sabrina Costanzo su Villa Vitrone e la vita del notabilato casertano che si svolgeva a cavallo delle due guerre. Tra le varie ricerche effettuate si è scoperto il prestigioso matrimonio che si svolse nella struttura liberty, di Elisa Vitrone, figlia di Giuseppe nel 1928.  A santificare l’unione fu S. E. Monsignor Gabriele Moriondo Vescovo della Diocesi di Caserta, “il quale unì, nel nome del Signore, la felice e fortunata coppia per la quale implorò la benedizione celeste. Fu compare d’anello il prof. Luigi Manguso e fecero da testimoni il cav. Raffaele Pianese e l’avv. Ernesto Desiati”.  Così come riportato dal giornale locale L’UNIONE.

Va ricordato che non è la prima volta che gli studenti del liceo Manzoni, tra i libri abbandonati della biblioteca provinciale Federico Scialla hanno fatto ricerca scoprendo documenti interessanti. Tra questi   libri rari e documenti di tribunale di Santa Maria come il processo Bottillo, il servo ex monaco francescano che assassinò nel 1870 il suo padrone e la figlia diciottenne, e  che si tenne in quelle aule. Un processo da poco riproposto in una rielaborazione dalla Unitre di Santa Maria C.V.

Tra gli altri lavori vanno citati: quelli degli studenti: Di Martino Anna, Monica della Valle, Bagnani Anna,  Giusy Cirillo; Caruso Lidia, De Vito Mattia e Monini Iacopo.

Liceo Manzoni
Avatar

Informazioni su maestrilavoro

ll “Centro Studi e Alta Formazione Maestri del Lavoro d’Italia” in sigla “CeSAF MAESTRI DEL LAVORO” è legalmente costituito in associazione culturale, senza scopo di lucro. Cura e promuove la formazione dei Maestri del Lavoro aderenti e degli affiliati laici intesi come persone non insignite Stella al Merito, ma che perseguono gli stessi fini quali: favorire l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro e a diffondere i sani principi a esso connessi, così come richiesto dal decreto del ministero del lavoro firmato dal presidente della repubblica per l’assegnazione della Stella al Merito.

Precedente Gli studenti dell'ITI Buccini-Ferraris alla STMicroelettronics Successivo Decennale della unica audizione al Senato della Repubblica dei maestri del lavoro